Author

Annalisa Pollina

Annalisa Pollina

Silenzio | Pablo Neruda

silenzio Pablo Neruda

  Ora conteremo fino a dodici e rimaniamo tutti quieti. Per una volta sulla terra non parliamo in nessuna lingua, per un secondo fermiamoci, non muoviamo tanto le braccia. Sarebbe un minuto fragrante, senza fretta, né locomotive, saremmo tutti uniti in un’inquietudine istantanea. I pescatori del freddo mare non farebbero male alle balene e il lavoratore del sale guarderebbe le sue mani rotte...

Estratto dalla mistica Jeanne de Salzmann ••• La Realtà dell’Essere

  Siamo così preoccupati da ciò che idealmente vorremmo essere che non vediamo cosa siamo realmente adesso, nel momento attuale. Non siamo quel che crediamo di essere. Accecati dall’immaginazione, ci sopravvalutiamo e mentiamo a noi stessi. Mentiamo continuamente a noi stessi, in ogni momento, tutto il giorno, per tutta la vita. Le cose che facciamo non le scegliamo perchè ci piace...

Tratto dalla raccolta di poesie di Baudelaire – I fiori del male

Baudelaire ritratto di franz kupka

  Dai viaggi che amara conoscenza si ricava! Il mondo monotono e meschino ci mostra, ieri e oggi, domani e sempre, l’immagine nostra: un’oasi d’orrore in un deserto di noia!  Partire? Restare? Se puoi restare, resta; parti, se devi. C’è chi corre, e chi si rintana per ingannare quel nemico che vigila funesto, il Tempo! Qualcuno, ahimè! Corre senza sosta, come...

Estratto dal capolavoro di Khalil Gibran – Il profeta

  Si, voi siete come l’oceano. E benché le vostra navi coi loro pesanti carichi siano in attesa della marea sui vostri lidi, voi, cosi come l’oceano, non potete affrettare le vostre maree. Ed anche siete simili alle stagioni, E benché nel vostro inverno voi rinneghiate la vostra primavera; Tuttavia la primavera che riposa in voi sorride nel suo assopimento e non è per nulla...

Ultimo dialogo tra Giordano Bruno e Sagredo

foto della statua di giordano bruno

Febbraio 1600 Nell’angusto, buio e lungo corridoio delle carceri di Castel Sant’Angelo, si odono passi che segnano l’avvicinarsi di ospiti ai condannati prossimi all’esecuzione. Con un forte rumore di chiavi si apre la pesante porta della cella ove è rinchiuso il condannato al rogo: Giordano Bruno; è lì, steso su un rude pagliericcio, mentre i suoi occhi lucidi, fermi e...

Felice è chi sa amare

foto di Hermann hesse

Quanto più invecchiavo, quanto più insipide mi parevano le piccole soddisfazioni che la vita mi dava, tanto più chiaramente comprendevo dove andasse cercata la fonte delle gioie della vita. Imparai che essere amati non è niente, mentre amare è tutto, e sempre più mi parve di capire ciò che da valore e piacere alla nostra esistenza non è altro che la nostra capacità di sentire. Ovunque scorgessi...

Mi sento multiplo di Fernando Pessoa

disegno Fernando pessoa

Mi sento multiplo. Sono come una stanza dagli innumerevoli specchi fantastici che distorcono in riflessi falsi un’unica anteriore realtà che non è in nessuno ed è in tutti.   In questa vita, in cui sono il mio sonno, non sono il mio padrone, chi sono è che ignoro di essere: vivo immerso in questa nebbia che io sono tutte le vite che ebbi in altri tempi in una sola vita. Sono mare; di...

Donazione

Sostieni Centro Studi Antropologici e gli studi inerenti agli argomenti trattati. Grazie di cuore!

Categorie

Privacy Policy